Sisal bonus di benvenuto
Eurobet bonus benvenuto
Snai bonus benvenuto
betfair bonus benvenuto
Hernando Siles lo stadio più alto del mondo

Sconfitta ad alta "quota”

Quanti di voi hanno visto le proprie scommesse andare in fumo per la partita delle qualificazioni ai Mondiali Russia 2018, BOLIVIA – ARGENTINA? Bene, sicuramente tanti, anche perché , come darvi torto nel giocare l’Argentina vincente o considerarla quantomeno favorita? Ma… esiste una motivazione ben precisa per cui ieri la Seleccion di Mister Bauza ha visto allontanarsi ancora di più i prossimi campionati del Mondo e per cui molti di voi hanno strappato le proprie "bollette" imprecando amaramente contro i biancocelesti. La Verde, così chiamata per via della propria maglia, è attualmente al 95° posto nel ranking Fifa, con sole 3 partecipazioni ai mondiali, peraltro sempre eliminata al primo turno, e ha in rosa un buon 80% di calciatori che militano nel poverissimo campionato boliviano, recentemente messo in forte discussione per via degli stipendi non pagati ai giocatori (nel proprio Palmares ha una Coppa America vinta nel lontano 1963, in quell’occasione era il paese ospitante, e poi un secondo posto alla Coppa America del 1997 dove perse la finale contro il Brasile per 3-1). Non batteva l’Argentina dal 2009, (storico 6-1) quindi tutto fa pendere l’ago della bilancia verso un Argentina favorita per il blasone e per le motivazioni dettate dalla classifica. Ma ecco la considerazione da fare la prossima volta che vi giocherete la Verde. Lo stadio di casa della Nazionale boliviana sito a La Paz ha un insolito e non gradito record cioè quello di essere il più alto stadio del mondo, in quanto si trova a 3,600 metri s.l.m. E’ un impianto dove gioca le gare ufficiali il Bolivar, squadra che vanta di 18 titoli nazionali e 29 partecipazioni alla Coppa Libertadores. Lo stadio è stato ufficialmente inaugurato nel 1931 e ha una capienza di 45.000 spettatori. L’impianto sportivo dedicato a Hernando Siles, trentunesimo presidente della Bolivia, è uno stadio che in pochi riescono a sopportare. Questa situazione climatica e ambientale ha da sempre favorito la selezione verde nelle partite casalinghe, infatti,  a certe altitudini, l'aria è molto più rarefatta e l'ossigenazione più difficile. Non sono bastate le diverse proteste negli anni, da parte di molte nazionali nei confronti della Fifa, per far eliminare dalle competizioni ufficiali tutti gli stadi che risiedessero sopra i 2,500 metri s.l.m , infatti la situazione non è mai cambiata. Anche Ecuador e Colombia hanno alcuni stadi ad alta quota e tutti i tentativi di farli chiudere hanno solo creato disordini, polemiche e rivolte popolari. I calciatori boliviani sono abituati ma le nazionali ospitate trovano sempre grosse difficoltà. Non è dunque insolito che dopo pochi minuti, già alcuni calciatori argentini erano piegati sulle ginocchia o, in qualche caso, respiravano affannosamente dopo un semplice scatto. Ecco che agli occhi di molti di voi stava per realizzarsi l’impensabile. Non è bastato aver portato con sé le bombole d’ossigeno,come ormai è consuetudine, da utilizzare nell’intervallo per far riprendere fiato e finire la partita in piedi. La Bolivia affonda 2 colpi micidiali e, come spesso accade, si abbatte come una furia sull’avversario stremato. Per l’Argentina non c’è nulla da fare, i vari Di Maria, Banega, Aguero e compagni non riescono a venir a capo ad una situazione generale di evidente difficoltà. Anche le traiettorie del pallone assumevano direzioni strane e, a volte, prendevano velocità di colpo, non permettendo passaggi o lanci precisi. E non pensate che con Messi o Higuain la situazione sarebbe migliorata. Certo, anche perché tra gli illustri assenti figuravano due pezzi da 90 e nonostante la spledida forma di Icardi, Bauza gli ha preferito l’inguardabile Pratto. Una serie di situazioni che avrebbero dovuto far riflettere e far scommettere puntando sulla Verde! Il nostro applauso va alla Bolivia dunque, che anche se già matematicamente estromessa dai prossimi mondiali, ci ha dato una lezione di vita e di calcio, mettendo il cuore in campo e soprattutto i polmoni! Gli 11 allenati da Mr. Hoyos hanno dimostrato che non si passeggia, a La Paz, si corre!

Ritratto di NostradamusbeTeam

Commenti

Ritratto di Germano
New

La fifa ci aveva provato a vietare le gare sopra i 2500 mt ma poi n'do giocano questi? Certo la partita risulta falsata perche' e' ovvio che gli argentini non possono giocare in queste situazioni.
Ritratto di Alfredo
New

Lo stesso potrebbe dire la bolivia abituata a giocare sui 2500 mt e trovarsi male in argentina....che discorso è ? Non ci sono scuse per i "campioni" argentini strapagati,,,,,
Ritratto di Ezio
New

L'ossigenazione è un problema legato all'altitudine...ovvio che chi non è abituato a determinate altezze soffra la rarefazione dell'ossigeno, mica ci sono queste problematiche in Argentina... E' ovvio che la Bolivia in casa parte avvantaggiata sul piano fisico.

Aggiungi un commento