Sisal bonus di benvenuto
Snai bonus benvenuto
betfair bonus benvenuto
Eurobet bonus benvenuto
Dybala durante la finale di Cardiff

Quando l'aspetto mentale supera quello tecnico

Ho letto tantissimo in questi giorni su ciò che ha generato la finale di Champions League andata in scena a Cardiff tra Juventus e Real Madrid. Ho letto tanto da parte di giornalisti affermati e non, opinionisti, giocatori, rappresentanti delle società, tifosi juventini, tifosi non juventini ,tifosi anti juventini e chi più ne ha più ne metta, ognuno con la sua opinione su ciò che è accaduto e più o meno tutti a dire che il Real Madrid è stato superiore. In realtà non ho visto tutta questa superiorità tecnica, se vi è stata una supremazia schiacciante è stata nel fattore mentale. Purtroppo la condizione mentale di una squadra è molto più importante di quella tecnica sopratutto in determinate partite. Nessuno può sottrarsi a questo, guardate la Roma che va benissimo quando non è vicina al traguardo e poi quando lo ha a portata di mano se lo fa sfuggire con prestazioni scadenti, stessa cosa è successa all'Inter per circa un ventennio e che con la retrocessione della Juventus in serie b per lo scandalo calciopoli ha ritrovato quella sicurezza per tornare a vincere, prima in Italia e poi in Europa. Non è un discorso limitato solo a queste squadre, ricordate il Milan che nella stagione 2003/2004 ai quarti di Champions League travolse il Deportivo La Coruna 4-1 al San Siro per poi perdere in maniera misera ed imbarazzante 4-0 nel ritorno al Riazor? Ricordo ancora lo sguardo incredulo di Maldini su tutti, e non vi sono dubbi che il Milan fosse incredibilmente superiore al Deportivo. Tutto succede per una ragione, la Juventus aveva più pressione del Real Madrid perchè per una società così blasonata riuscire a vincere solo 2 finali di Coppa Campioni/Champions League in 9 partecipazioni è veramente poco, troppo poco. Questa è stata la vera differenza, la paura e la pressione del dover vincere. Se si analizza la partita la Juventus ha giocato meglio nel primo tempo, ed il Real ha beneficiato di quella fortuna che serve obbligatoriamente per vincere certe competizioni, i primi due gol sono nati da due deviazioni, e questo avrebbe stroncato anche un toro. Ovviamente queste situazioni vanno a penalizzare maggiormente la squadra che emotivamente è più fragile, e la Juventus è crollata. Con i se e con i ma non si fa la storia è verissimo, ed è altrettanto vero che la fortuna aiuta gli audaci, ma non si può considerare in partite come questa solo il fattore tecnico e non quello mentale. Ricordate quando si diceva che il Milan si trasformasse con la musichetta della Champions indipendentemente da chi aveva davanti? Ecco il segreto è tutto li, la tranquillità mentale e la forza dello spirito creano la differenza. Purtroppo in Italia le pressioni sono mille volte più forti rispetto agli altri stati, i nostri club sono bersagliati dai giornali e dai tifosi che non lasciano la possibilità di respirare in maniera tranquilla. Ora si può dire e scrivere di tutto ma se si analizzano i dati non vi è dubbio che la Juventus attualmente è fra le prime 4 grandi d'Europa, e che una finale persa non può cancellare questo e non dovrebbe preoccupare, anche visto il progetto societario. Se vi è qualcosa che dovrebbe preoccupare è l'approccio a determinate partite, e sicuramente se la prossima volta prepareranno la partita in maniera più distaccata ne beneficeranno. La pressione da sempre ed in ogni campo è limitante della qualità sia del singolo che della squadra, perciò si dovrebbe ragionare al contrario per poter dare di più, una Juventus più superficiale e meno responsabilizzata sicuramente non avrebbe fatto un secondo tempo così al di sotto delle sue possibilità.

Ritratto di NostradamusbeTeam

Commenti

Ritratto di Alessandro
New

Concordo con questo articolo. Nel secondo tempo la juve, la stessa squadra che ha strapazzato il barcellona (!) andata e ritorno, la stessa che aveva subito solo 2 gol in tutta la competizione sembrava improvvisamente dopo il gol del 1 a 2 essere diventata una squadra di 1° categoria. Tutti fermi immobili a subire i colpi del Real senza reazione alcuna. Ciò può solo spiegarsi come un fattore mentale...
Ritratto di Gennaro
New

Il real non aveva nulla da perdere, mentre la Juve tutto. Qui sta la chiave di tutto. Riguardo il putiferio scatenato dagli antiJuventini beh...persone semplicemente ridicole. Prendiamo Interisti e Milanisti....Hanno la loro squadra del cuore a metà classifica, non vincono nulla da 6 anni almeno e godono se la juve perde la finale di champions? competizione che Inter e Milan si sognano solo di poter partecipare? Che pena mi fanno.... Ps tifo Napoli.
Ritratto di Francesco
New

Certo! Ed aggiungerei ai poveri rosiconi milanesi che la cosa più triste non è tanto la loro posizione vergognosa in classifica e la loro assenza totale in europa ma il fatto che le loro squadre sono diventate cinesi....
Ritratto di manuel
New

salve, totalmente d'accordo. applausi.
Ritratto di Ben
New

Che ignoranza il popolo italiano. Tutti a sperare che la Juve perdesse. Senza il contributo bianconero saremmo quinti nel ranking Se la Juve non esistesse bisognerebbe inventarla, quantomeno per garantire all'Italia il livello attuale nel ranking europeo. La squadra bianconera negli ultimi 5 anni ha pesato per il 28,6% dei punti raccolti dalle squadre di Serie A nelle coppe europee, risultando sempre la migliore del contingente nazionale e permettendo alla Serie A di mantenere la quarta posizione. Poveri dunque i rosiconi da mezza classifica....
Ritratto di Massimiliano
New

Complimenti a chi ha scritto questo articolo, sicuramente è uno che gioca o che ha giocato a calcio.

Aggiungi un commento